sabato 30 agosto 2014

Momo - Come nasce un terrorista



Scappiamo dalle guerre che avete creato
Dalla fame che avete organizzato


Ci avete depredato tutto
Petrolio
Metalli
Desertificato rubandoci anche gli alberi
Per i vostri lussuosi parquet


Veniamo carichi di speranza
Per i nostri figli
Per un futuro senza torture


I miei li avete uccisi
Avete stuprato la mia donna 
Distrutto la mia casa
La mia terra


Arriverò
Con un carico di morte


(Eravamo così felici)



Photo dal web

Dinka - Sogno inatteso


Viene la notte
Vertigine profonda

Grondano le finestre
Di tiepida pioggia

L'Autunno è già qui?

Raccolgo un'altra conchiglia
Sulla mia spiaggia

Accarezzo il tuo orizzonte
Non più lineare

Sorrido ai tuoi capelli
Bacio i tuoi occhi

Ora la pioggia
Si è fatta più calda

Mi sveglio
Ho il tuo sole dentro

C'è ancora spazio
Per un altro sogno


Photo Manuel de los Galanes






giovedì 28 agosto 2014

Silvana Di Girolamo (Dinka) - Respirami vicino amore


Tu sei

cura dai mali
e riparo


Vita

nella morte del giorno

Liberazione dell'anima



Foto Silvana Di Girolamo


mercoledì 27 agosto 2014

Dinka - Ci fu un giorno ...


                                  Tutti i messaggeri recarono la notizia
                                  Ma nessuno accorse
                                  Tutti ignorarono la nuova idea
                                  E il mondo precipitò in un baratro di fuoco
                                  Con tutti i suoi abitanti dentro
                                  Come in un grande calderone

                                  Da allora bruciamo a fuoco lento
                                  Le fiamme ci ghermiscono notte e giorno
                                  I nostri figli nascono con pelle ignifuga
                                  E nessuno ricorda più come era prima 
                                  Perché viviamo così

                                  Ci lamentiamo
                                  Oh se ci lamentiamo
                                  Ma come quel giorno fummo ciechi e sordi
                                  Così oggi perpetriamo il nostro oblio
                                  E l'unico muscolo ormai utilizzato
                                  È quella lingua che si muove
                                  Che favella
                                  Che mastica e che bacia
                                  Ingannando tutti
                                  Per primo noi stessi

                                  Quale futuro ci rimane? 
                                  Qualcuno scorge un orizzonte di limpide esistenze? 
                                  Allora si faccia avanti
                                  Siamo qui pronti con i sassi in mano 
                                  Per una rapida lapidazione
                                  Perché questa e' la condanna 
                                  Alla quale siamo muti e sottoposti

                                  Uccidere il vero
                                  Esercitare il falso


                                        Photo Anton Corbijn

Silvana Di Girolamo (Dinka) - Sulla mia strada



Tutti i giorni
Per questa vita puttana
Che si vende a ogni ora

Ho finito con l'autostop
Voglio strade di prima mano
Voglio farle a piedi nudi
Per sentire ogni fosso
Piegarmi ai profumi
Sedermi sui sassi
Voglio scorticarmi gli ossi 
Graffiarli sul selciato
Sentire lo stridere dei passi

Solo così saprò
Di vivere



Photo Francesca Woodman


martedì 26 agosto 2014

Silvana Di Girolamo (Dinka) - Disegnando nuvole con le dita


Sono giorni che vedo piume ovunque vada
Forse è il momento di volare
Non è mio quel sangue che cola

Gli angeli non stanno quaggiù

Lucifero ha ali nere
Piume bruciate
Al calore del peccato

Tingo le mie piume di rosso
Non è mio quel sangue che cola

Il grande falco scende in picchiata
Altre piume arrivano ondeggiando
Un altro piccione artigliato

Non è mio quel sangue che cola



Foto di Manuel Cafini

lunedì 25 agosto 2014

Silvana Di Girolamo (Dinka) - Ho una vita fuori da queste righe



Scrivo per non scottarmi le dita
Per raggiungere l'alba illesa

Butto giù inchiostro cerebrale
Testimone dei miei ingranaggi intellettuali

J'accuse duri come sassi 
Mai scagliati
Ma qui
immoti 
Dentro agli ossi

Sono dura anch'io
Spesso antipatica

E se pure ti stimo
Non è mai per sempre
Non mi trovi sorprendente? 

Le mie parole possono ferire
Come lame sulla lingua

Puoi interpretarle male
Metterle in fila e poi disfarle

Offenderti e starci male
Per convenienza o dedizione
O fors'anche convinzione

Puoi farci una bandiera
Tuo malgrado
Che ti frega del significato

Ma rimarranno mie queste parole

Madri di tutti come puttane
Figlie mie per partenogenesi 



Foto Francesca Woodman


domenica 24 agosto 2014

Cante Skuye - il Poeta Eta Beta



il Poeta Eta Beta
quando infila una manina
nella tasca piccolina
tira fuori dei dolori
si trasformano in colori
blu cobalto aranci e gialli
ci colora delle valli
nei colori le parole
quelle amare e quelle sole
ed è tutto quel che duole


il Poeta Eta Beta
se una acca o una zeta
non gli arriva o non lo allieta
tira fuori dalla tasca
pulcinella o giamburrasca
che risolvon la questione
l’eleganza di Gastone
che ritrova la maniera
navigar verso la sera
anche con la luna nera


il Poeta Eta Beta
ha coraggio e iniziativa
fin dai monti alla riva
ride balla e canta versi
anche solo pei diversi
canta storie ai bambini
anche quelli piccolini
e lasciatelo ballare
lui ondeggia come il mare
canta sempre dell’amore


il Poeta Eta Beta
è del sogno il condottiero
rende a noi l’animo fiero
che rimanda a letto tutti
col sorriso belli e brutti
lui regala a tutti arance
coi bacetti sulle guance
fiori sian multicolori
mette in tasca i suoi dolori
e a voi tutti dico... siori


il Poeta Eta Beta
è il migliore dei Signori!








web pic

Silvana Di Girolamo (Dinka) - Ditemi .... Chi fui ...?

Foto di Francesca Woodman

(Trip di mezza estate)

Danzavo nel sole 
La luce giocava con il mio corpo 
I movimenti si attorcigliavano
su raggi splendenti di calda gioia
Ero felice
La vita mi cascava addosso
correva e correvo
come un treno inarrestabile di colori 

Poi venne l'inverno e non danzai più
Le giornate lunghe e tristi 
senza piu musica e colore 
lente da passare 
mentre ricordavo le mie corse a perdifiato 
in quelle stanze dove piroettavo 
come una stella cometa

Sono stata fuori di me 
per tanto tempo 
E ora 
Ora .... non ho più niente 

Correvo 
................... Correvo 

Correvo e non sapevo che fuggivo 
Restavo sempre senza fiato 
E non sapevo 
Io non lo sapevo 

Ora ...
Non so piu dove correre 
Andare
Finire questa angoscia in una gioia 
Gioia per  ....

Era vero. Era tutto vero ...  ed io correvo. 


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°


Consigliato leggerla ascoltando questa versione di

 "Requiem for a Dream"

su cui è stata scritta.


sabato 23 agosto 2014

Momo - Il sentiero oscuro l'amore


Dolore che si infiltra nelle ossa
Quando l'amore è incondizionato


Ti eccita
Ti calma
Ti droga

È tutto quello che vuoi
Senza via di mezzo

Vivere in due
Senza la felicità del dolore


L'amore oscuro

Ph dal web

Silvana di Girolamo (Dinka) - Per quattro volte ti ho detto addio

Photo Francesca Woodman

Come spiegare un amore
Così forte da soffocare

Ribellione eri
Desiderio acclamato

Asfissia d'impiccato

Esercizio d'equilibrio
Tra la mente e il cuore

Cedevo all'agonia
Ti dicevo addio

Ogni battito
Un conto alla rovescia

Per amarti o per morire


Cante Skuye - Delirio di un attimo


Fuggo le tenebre

Mi raggiungono 
sempre

Non voglio rami sciolti 
ma cumulo di macerie 
putride.. immonde
sempre più profonde

Stridono avvoltoi
sull’orlo del destino 
è tutto nero all’orizzonte 
dall’altra parte del mondo 

Abbracciami 
sento freddo 
tanto freddo 

Le mani spaccate 
di creta asciutta 
fremono di creare 
nel delirio di un attimo 
un pensiero che rimane 

immobile 

per sempre. 



Legami
Semirefrattario
di: Laura Pellizzari



venerdì 22 agosto 2014

Silvana Di Girolamo (Dinka) - Haiku n. 5



Gocce di sole

Sopra l'azzurro mare

Fresca acqua blu

---------/---------


Foto Silvana Di Girolamo

Silvana Di Girolamo (Dinka) - Vita quotidiana


    Cosa ti canta il tuo giorno
    Mentre cerchi di consolare il cuore
    Che vorrebbe urlare più forte 


  Per sovrastare il suono 
  Dei tuoi pensieri sconnessi
  Dalla realtà obiettiva che ti circonda 

  Cosa ti canta il tuo cuore
  Mentre cerchi di vivere 
  Un altro giorno di risposte 
  A domande che non sono mai le tue

  Cosa ti canti tu
  Quando a sera non riesci a spegnere
  Quel rumore assordante 
  Che abita la tua mente
  Incessantemente


    È notte alta ormai
    In sottofondo sfilano i tuoi momenti
    Anche oggi è finita
    Mentre domani è già cominciato


    Foto di Kevin Holiday


giovedì 21 agosto 2014

Arianna Zahami - Tratto

ph dal web
Ho visto cose...
Follia...perversa...
Ho udito i percorsi 
Incerti...
Ho parlato con i 
miei demoni..
E ne ho tratto 
conclusioni...
I timori hanno 
un piacere sottile...
Ho ballato in piedi
assieme a te...
Tu immobile...
Io qui ai margini 
del niente...
Corpi corrosi...
Qui, ai bordi 
sospesi nel vento...
In equilibrio su 
confine appena 
tracciato...
al di là...
La voragine che 
ci inghiotte avida.



Cante Skuye - Pensiero

Ph. Cante skuye



il tuo silenzio vola profondo





Silvana Di Girolamo (Dinka) - Le quattro morti ti aspettano al confine



    Una per quelli che non hai creduto

                 Due per quelli a cui non hai donato

                                   Tre per chi amore non hai ricambiato 

                                                        Quattro per il bene che non ti sei voluto
                                                                       

                                                                                                                                              ph dal web                  





mercoledì 20 agosto 2014

Silvana Di Girolamo (Dinka) - Ti ho perduta in un perdifiato di immobilità


                                            Non mi piace agitarmi tanto
                                            Resto ferma
                                            Mentre il mondo mi corre intorno
                                            Quando tutti
                                            Fanno domande
                                            E non attendono risposte

                                            Resto ancora immobile
                                            Il dado si trae da solo
                                            So già quale faccia uscirà
                                            Non è un gioco
                                            Nessuno è in gioco
                                            Se non vuole

                                            Intanto sorrido
                                            All'inevitabile


ph dal web

martedì 19 agosto 2014

Silvana Di Girolamo (Dinka) - Ladra di parole


Mi si è seccata la vena

Tagliala
Guardaci dentro
Ci trovi sangue marcito 
Nero brustolito

Faccio un'infusione
Con parole rubate
A chi ne usa poche
Per grandi risultati

Ma il loro suono mi tradisce
Non è il mio modo
si capisce

E non chiedermi quartine
Non cercare rime
Ciò che ho dentro ha forme sue
Le rifiuti o le fai tue

Ma ti lasciano un sapore
Che ti secca la saliva
Chiamale emozioni

Non soltanto parole


ph dal web

lunedì 18 agosto 2014

Silvana Di Girolamo (Dinka) - Sangue bianco


Scrivo con il sangue secco delle mie vene
Cercando parole nuove per vecchie emozioni

Spillo gocce rosso scuro da bui corridoi
Aspettandomi ventate di furore intellettuale

Scavo tra giovani macerie 
In cerca di pulsante dolore costruttivo

Ho percorso molte strade
Sopra e sotto questa terra

Nulla di nuovo mi ha trovata

Punto lo sguardo in alto
Per ricevere nuova luce
Che non sia di cobalto

Attendo un bianco raggio 
Una forma di coraggio
Per riempire ancora
Queste vene
Che pulsano di vuoto



pic web

Momo - Uomo


Nasci
Con una splendida lancia in mano
Potresti usarla come appoggio
O per darti sicurezza


Ci fai la guerra invece
La scagli in avanti
Ma affonderà sempre sulla tua schiena




Ti sei mai chiesto quale funzione hai? Quale funzione hai? Per paura di scoprire libertà che non puoi avere, anche il tuo spazio è su misura. (cit da Pollution di F. Battiato)

pic web

Cante Skuye - Sogno viscerale




Andate flebili mani
volate più lontano
a cercare nuove spiagge
a trovare nuovi anfratti
su cui arpionare vita
da cui distrarre morte

Andate e portatemi ali
per rivedere il mondo
mortale e distratto
timido e disteso
preda delle fauci
dell’egoismo reso.



Silvana Di Girolamo (Dinka) - La mia benedizione


Voi credete che io sia sempre qui
La vostra brevità mentale
La vostra corta vista
Mi vede ancora qui

Non vedete le mie ali
Quelle cresciute a pane e morte
Si ... morte

Per ogni libertà che mi avete ucciso
Una penna mi è cresciuta

E ora che son pronta
La mia mente si stacca
E vola

Vi plana sopra come un bianco corvo
Ma non temete vi sfiora appena
Con la punta delle ali
Come un segno di benedizione
Prima di lasciarvi incollati
A una pesante vita di finzione


pic web

domenica 17 agosto 2014

Arianna Zahami - Fossa

immagine Adam Martinakis

Recuperami da questa strana fossa..
Recuperano le mie mani il terreno sgretolandone le zolle...
Recuperami da questo strano torpore invernale...
Recuperano i miei fianchi quello spazio agognato dentro questo angusto loculo...
Recuperami il calore delle labbra carnose...come nelle primavere scorse...ora ghiacciate nel sonno profondo....
Recuperano i miei occhi il brillio fugace dei raggi di stelle...
A coprire questo corpo inerme...
Non il coraggio è bastato a svegliarsi a nuova luce...
Ma il rammentare dei nostri limiti...
Il partorire sudato di angosce mai messe a tacere...
Ed i vermi corrodono la mia carne avidi...
E tu rimani lì che spezzi ancora le mie viscere ..e mi guardi decomporre.... 


Silvana Di Girolamo (Dinka) - E dacci il nostro pane quotidiano

Rompo i pensieri
Sui frangiflutti del mio cranio

Galoppano su un nero destriero
Cercano di prendersi anche oggi

Stringo gli occhi a fessura
Li guardo con cattiveria

Ma sono pensieri coraggiosi
Non battono ciglio

Restiamo incagnati
Io e i miei pensieri

Ciascuno aspettando
La resa dell'altro

disegno dal web




sabato 16 agosto 2014

Silvana Di Girolamo (Dinka) - Ti bacerò per sempre



Ti bacerò

Sul collo le labbra
La bocca

La Tua bocca

Ti bacerò al mattino
Sui denti che sanno
Di notte rugosa e assonnata

Ti bacerò al mercato
Mentre palpi le pesche
E poi lo farò ancora
Su lenzuola fresche

Ti bacerò in cucina
Mentre peli le patate
E  sul lavello 
Mentre il cuore mi allaghi 

Ti bacerò 
Con la bocca di caffè corretto 
col mio sapore

E alla sera
Con la lingua 
Nella tua bocca
______________Ti bacerò

Per sempre ti bacerò


scultura dal web tramite Alma Abrahamian

Silvana Di Girolamo (Dinka) - Sperimentale


Guardami!
Ti guardo ...
Sei solo vecchia!
Ahahaha ... Le idee non invecchiano mai!
Ti sbagli, non vedi che nemmeno tu ci credi?
(Silenzio - occhi bassi)
GUARDAMI!
Cosa vuoi ...?
La verità!
(Risata divertita e sommessa)
Quella che nascondi a te stessa! Quella incistata tra le tue carni e che grida: liberami!
Io SONO Libera!!!
Davvero? 
(Con espressione quasi sadica - trionfante)
Allora parlami di quando dentro di te urli così tanto da assordarti, spiegami perché i tuoi occhi si gonfiano senza avere versato una lacrima, raccontami di quelle orbite spalancate anche mentre dormi...!
Va via, non ho voglia di parlarti ...
Non è con me che devi parlare...!
(Adesso quasi pietosamente) Fai pace con te stessa e sarà tutto finito.
Ma lasciami in pace tu, non sei nessuno!!!
Nessuno?
(Con viso deformato dalla sorpresa e dall'indignazione)
Io sono la terza parte di te! Quella che è costretta a mediare tra te e l'altra tutti i giorni e tutte le notti!!! Sono stufa e se io taccio per voi è finita!
(Con le mani sul volto)
Finita? Non aspetto altro!
(Stancamente)
Credi che sia interessata a questa miseria? Credi davvero che abbia voglia di continuare questa messinscena? Di organizzare ogni giorno questo spettacolo del cazzo? Le tue minacce mi allettano molto, ma la mia pazienza si e' esaurita, quindi o le attui oppure sparisci!
(Col volto stravolto dall'ira e mostrando segni di cedimento)
Tu ... Tu, piccola insignificante donna! Ti credi tanto forte da poter vivere la tua vita facendo a meno di me?!?
(Con espressione serenamente angelica)
No, ti sbagli! Io non ho più forze, non ho più lotte, la vita l'ho consumata tutta ....! E adesso non mi resta che aspettare il mio turno. Cosa vuoi che faccia nell'attesa, se non litigare con te?


ph dal web