sabato 23 agosto 2014

Cante Skuye - Delirio di un attimo


Fuggo le tenebre

Mi raggiungono 
sempre

Non voglio rami sciolti 
ma cumulo di macerie 
putride.. immonde
sempre più profonde

Stridono avvoltoi
sull’orlo del destino 
è tutto nero all’orizzonte 
dall’altra parte del mondo 

Abbracciami 
sento freddo 
tanto freddo 

Le mani spaccate 
di creta asciutta 
fremono di creare 
nel delirio di un attimo 
un pensiero che rimane 

immobile 

per sempre. 



Legami
Semirefrattario
di: Laura Pellizzari