venerdì 28 settembre 2018

Addolorata - Uri Dinka


Nel regno di pietra
La regina di roccia
Trasuda sale 

Quanto buio 
Dopo la luce

Brucia canfora
E chiede al fuoco

Ma è solo buio
Non oscurità 

Uri_25_09_18

venerdì 21 settembre 2018

Raccoglimi - Uri Dinka

L'immagine può contenere: una o più persone

Onde senza pace
Come grani di rosario
Infilati tra le dita
Flussi incessanti
Psichedelici
Come fai a non riconoscerli?
Voci fatte aliti
Respiri silenti
Nel boato della mente

Raccoglimi
Accetta le mie offerte
Nutri questa essenza
Esci dal buio
Scaldati al mio sole
Versa la tua luce nella mia

Uri_04_09_18

sabato 15 settembre 2018

Dal delirio di un diario - Dinka


Sono un cane sciolto che si meraviglia dell'effetto che ha sulla gente
Mi stufo subito delle altrui attenzioni che m'incatenano in un solo vissuto
Ho noia della banalità umana e non son fatta per le adulazioni
Conosco l'ammirazione perche' l'ho provata sinceramente
Per pochi, ovviamente, e ben sapendo che nessuno è dio
Ma si fa presto a cader da un piedistallo, più è alto più grosso è il botto
Preferisco strisciare che dar da mangiare a cervelli striminziti
Intirizziti dall'assenza di intelletto, come dire mancanza di affetto
L'affetto di quelle idee originali, che solo a voi vengono in mente
Per associazione mentale, esercizio continuo e vostro malgrado
E non ci credo che l'ignoranza è beata!
Sono beati gli imbecilli, per anomalia e non per carenza d'uso
Quelli sono sciagurati nati stanchi e senza dignità
Vampiri ambulanti pronti a succhiare la tua vitalità
Detesto essere oggetto di manipolazioni, smembramenti e dissezioni
Quello che ho da dire lo scrivo e non ha mille interpretazioni
Ognuno si tenga la sua e ci si guardi come uno specchio
Poi, non dite mai che sono io che l'ho detto!





Ricordi? - Uri Dinka

Il fulmine è sospeso nel vortice d'aria
A lungo corteggia il temporale
Dietro ai vetri ne osservo la danza
Energia che sale a spirale
Il battito interiore suona con gli elementi
Loro si sfidano amandosi

I ricordi mi avvolgono come aria 
Due turbolenze si rincontrano sempre
Per combinare un uragano 
Ricordi?
Con gli occhi chiusi ascolto il desiderio
Girare nella pancia
Nella testa
Nell'immagine disegnata di te

Le scariche elettriche divampano 
Il cielo si accende e si spegne
Imprimendo luce e oscurità 
L'umidità satura l'aria

Infine il temporale si arrende alla pioggia
Anch'io lascio andare quella sacra energia

Dedicata alla tua assenza 


Uri_03_07_18

Harakiri - Uri Dinka


Piega le ginocchia sul selciato
Genufletti le tue preghiere
All'ombra del sole
Respira col mantra dell'universo
Abbi fede fede fede e ancora fede
Non puoi chiedere perché 
Nessuna domanda può dare risposta
Ascolta ascolta ascolta ascolta
E se non odi non rialzarti
Porgi la testa alla lama
Mentre ancora il mantra scivola sul labbro
Insieme al tuo: perche?
Un sussulto alla pancia
Le mani giunte ora sono altre lame
Sciabole affilate danzano contro il sole
Si specchiano dentro un se
Nell'ora della giusta vendetta 

Uri_11_09_18