lunedì 11 giugno 2018

Perchè il sogno si avveri... Uri Dinka


Perché il sogno si avveri
Bisogna prima sognarlo

L'obiettivo calibrato
Il compito nel mirino
Che sia una freccia o un'ascia
Non sarà un infortunio 

Tesso tattiche di finta resa
Il lenzuolo un rotolo di lino
Squame di drago volteggiano
Si trasformano in sirena

Sputo fuoco e nuoto a nord
Acque fredde, caldi
Gli abbracci
Promettono altri sogni 

Acidi sfrigolano
Come olio sulle pietre al sole
Il sale ora è un veleno blu
Che scortica e freme

La vita passa
Ma non si consuma ancora
Vive la sua scelta
Quasi fosse una fortuna

Mostrami il tatuaggio più vero
In trasparenza vedrò quanto sei sincero



domenica 10 giugno 2018

Petali - Uri Dinka


Sogni d'aria
Scivolano nel sonno
Trecce di preghiera
Avvolte come spire

Mi sei apparso
Sconosciuto, immobile
Al di la del sogno
Varcheremo la soglia un giorno?

Petali di fuoco caddero giù 
Dal centro della terra
Corpi tesi nella lotta
Si scomposero

Ma i  frammenti si cercheranno
Eternamente a lungo
Come lembi
Della stessa pelle

Dove riposa la tua vera essenza?

Non c'è più tempo 
Ora
Ma il tuo tempo 
Non è mai ora




E la ruota gira e non si ferma ... - Uri Dinka


Il fuoco, il sangue, le viscere della terra mi appartengono
Non ho mai saputo gestire il dolore dell'anima
La carne offesa mi è indifferente
Lo spirito grida nell'assenza

Le parole ora biascicano 
Stanche sillabe su labbra inerti
Costrutti verbali esangui alla ragione
Potrei essere morta e non cambierebbe

Ma le vene pulsano di vigore ancestrale
La vita chiama a ogni battito interiore
Tende un arco che ha perduto la sua freccia migliore
In cambio di un ciclo che non si può arrestare

Chiamo a raccolta lame affilate
Presto si compirà il fato
Ineluttabile è questo futuro
Non per gloria ma per amore ho indugiato

Cresce il giardino pieno di rose
È già l'ora di spargerne i petali
Il loro profumo inebria di essenza
Colui che è capace di coglierne il senso

Francoise Sagan


Ho amato fino alla follia 
Ma ciò che gli altri chiamano follia
Per me è l’unico modo di amare

Françoise Sagan

martedì 3 ottobre 2017

Statico movimento - Uri Dinka


Inspiro mantra sul bordo della coscienza

Effluvi come incenso che brucia dentro l'anima

Gli spazi ora immensi, fuori dal tempo

Tutto si ferma in una calma statica

Gli orologi immobili dentro una dimensione

Che non conosce passato presente futuro

Ma un unico istante

Quello in cui esali il tuo respiro

È questa la beatitudine?