mercoledì 27 agosto 2014

Dinka - Ci fu un giorno ...


                                  Tutti i messaggeri recarono la notizia
                                  Ma nessuno accorse
                                  Tutti ignorarono la nuova idea
                                  E il mondo precipitò in un baratro di fuoco
                                  Con tutti i suoi abitanti dentro
                                  Come in un grande calderone

                                  Da allora bruciamo a fuoco lento
                                  Le fiamme ci ghermiscono notte e giorno
                                  I nostri figli nascono con pelle ignifuga
                                  E nessuno ricorda più come era prima 
                                  Perché viviamo così

                                  Ci lamentiamo
                                  Oh se ci lamentiamo
                                  Ma come quel giorno fummo ciechi e sordi
                                  Così oggi perpetriamo il nostro oblio
                                  E l'unico muscolo ormai utilizzato
                                  È quella lingua che si muove
                                  Che favella
                                  Che mastica e che bacia
                                  Ingannando tutti
                                  Per primo noi stessi

                                  Quale futuro ci rimane? 
                                  Qualcuno scorge un orizzonte di limpide esistenze? 
                                  Allora si faccia avanti
                                  Siamo qui pronti con i sassi in mano 
                                  Per una rapida lapidazione
                                  Perché questa e' la condanna 
                                  Alla quale siamo muti e sottoposti

                                  Uccidere il vero
                                  Esercitare il falso


                                        Photo Anton Corbijn