domenica 9 novembre 2014

Davide Zerauto - Nun si cani


Ciao!


Ciao..mi pare di ricordarmi di te..


E adesso non mi riconosci?


E' come una cosa antica, comu fussimu picciriddre...mi pari ma unnu sacciu....m'ammaraggiai macari...eppuru..

Eccu cori meo, ora mi pari megglio chi parri comu si dintra e no comu fusti ammaistrato....abberu un ti ricordi? Eri carusiddu graziusu e puliticchio, ascutavi tutti cosi curiusu di sapiri comu fussi pititto..

Ma cu sì?

Sugnu n'amico chi t'ha stato sempri o ciancu, c'ha chianciutu tutti i voti chi ti vinnivi l'onuri pi un pezzu di pani, tutti i voti chi agghiuttivi amaru pinzannu "E ch'haiu a fari?" Ancora nun t'arricordi?

Mi pari....ma sunnu cosi antichi, a vita ti cancia....

Un pinzavi accussì carusiddru pulito, ti senti megghiu a fari a carni vinnuta? Chi ni fannu "vinnitta" d'a casa tua?
Ricordi cu sugnu?

Mi ricordo, ma avia assai chi un ti viria, unn'hai statu? Un ti pari tardu ora?

Avia assai chi un mi vulivi sentiri, haiu sempi statu cca acciancu a tia, t'haiu parlatu sempri ma tu....tu facivi comu si un ci fussi.
Poi ora mi chiamasti, dopu chi m'avia arrinnutu...

Ma...

U sai cu sugnu e ti ricordi tutti cosi, sugnu l'amica chi chiami dignità,

sugnu u patri chi chiami orgoglio,
sugnu la matri chi chiami terra,
e chianciu tutti i notti ppi n'amicu chi si vinni,
chianciu li jorna pi lu figghiu miu chi si vinni u nomi pi na coperta,
chianciu lu figghiu chi non torna à casa sua ppi stari cu n'amanti minzugnara...
Ma sugnu sempri vicinu a tia si voi rapiri u cori e aiutari tutti i frati toi, e lu voi ...
E allura curri figghiu,
vola frati meo,
chi nuddru è megghiu di un cori puliticchiu comu un picciriddro.
Nun fari versari lacrimi a li figghi toi,
chistu è vergogna.
E nun asistinu dinari ppi pagari l'onuri d'un patri....
Susiti....pigghia ciatu e pensa ai figghi chi lassi anura, mentri accummogghi un patruni chi t'arrobba...

SUSITI, CHI NUN SI CANI..
.


photo dal web


Non sei cane

Ciao!
Ciao ... Mi pare di ricordarmi di te ...
E adesso non mi riconosci?
È come una cosa antica, come fossimo bambini, mi pare ... Ma non saprei ... Sono sconcertato, eppure ...
Ecco cuore mio, adesso va meglio che parli come sei fatto dentro e non come ti hanno ammaestrato ....! Ma davvero non ti ricordi? Eri piccolino, grazioso e pulitino, ascoltavi tutti così  curioso di sapere, come avessi fame ...
Ma chi sei?
Sono un amico che ti è sempre stato a fianco, che ha pianto tutte le volte che ti sei venduto l'onore per un pezzo di pane, tutte le volte che inghiottivi amaro pensando: < E che debbo fare? > .... Ancora non ti ricordi?
Mi pare .... Ma sono cose antiche, la vita ti cambia ...
Non pensavi così da bambino sistemato, ti senti meglio a fare la carne venduta? Che ne fanno scempio della tua casa!
Ricordi chi sono?
Mi ricordo, ma era tanto che non ti vedevo, dove sei stato? Non ti sembra tardi adesso?
Era tanto che non mi volevi sentire, sono sempre stato qua, al tuo fianco, ti ho sempre parlato, ma tu ... tu facevi come se io non c'ero. 
Ora mi hai chiamato, dopo che mi ero arreso ...

Ma ...

Lo sai chi sono e ti ricordi tutto quanto, sono l'amica che chiami Dignità 
sono il padre che chiami Orgoglio,
sono la madre che chiami Terra,
e piango tutte le notti per un amico che si vende,
Piango di giorno per un figlio mio che si vende il cognome per una coperta. 
Piango il figlio che non torna alla sua casa per restare con un'amante bugiarda ...
Ma sono sempre vicino a te se vuoi aprire il cuore e aiutare tutti i tuoi fratelli, e lo vuoi ... e allora corri figlio
Vola fratello mio
che nessuno è meglio di un cuore pulito come un bambino. 
Non far versare lacrime ai tuoi figli
questo è vergogna
E non esistono denari per pagare l'onore di un padre ...
Alzati ... prendi fiato e pensa ai figli che lasci nudi, mentre copri un padrone che ti ruba ....

ALZATI, CHE NON SEI CANE ...!