mercoledì 20 maggio 2015

Deus quotidiano. ( LAZZARO... ARZETEEEE ) - Francesco Mancini



Arzete LAZZARO!

Arzeteeee ... aho'!
E quello gnente... Due, tre vorte.
Na figura de merda Galilea!
Fino a che l'idraukico glie disse:
Padrete' carmo, MO' ce penso io!
Glie ammollo un carc.. in culo.!!
Et fece l'atto dissacrato!
da la platea qualcuno RISE!
'O FERMARO!!!
NU o vedi ch'e' mbriaco?
Fice l'Angelo... Questo a parte se l'e' scordata .... Se DOVEA arza' comme uno che se arisorge CO ER MOTO DE STUPORE intra l'OCIO! ...A fa' er morto, DAI, che Azz ce VO' mmai!
Poi..

Pe dieci euro, c'era l' ARBANESE che s'offriva!
Lassamo perde er Cinese, che anche se veniva GRATISE, cor trucco pe cambialllo e AVECCE l'aria ebbrea ce costava assai de più'.
Tutto sto casino pe fa fa' er figurone a Ernesto ne li panni der Reggista.
AR bare, aveva audiens, sortanto pe mezz'ora, poi na rottura de palle DA PAURA!
Fellini? Macché'! Corpa de Sto gran fellone, fasullo da morto e MORITURO DA VIVENTE, réclame DER PROSECCO...
Sempre imbriaco.
Sto Lazzaro intanto , s'era ARISORTITO E CO LA BIRA, trafugata in mano, se pregustava la ingollata!
Ecco... er carcio promesso de prima, glie Se giunse adesso!
- a conto aperto! fece Piero, truccato ancora da Lupo Ezechiele!
Qua', dopo sta recitata, da oggi, ognuno se paga er BEVUTO SUA!
Me sarò' spegato?
Solo Matteo l'evangelista, arzo' lo sguardo dar VAINCELO, e lo braso' CO la briosce ancora in mano!
Disse: NU E' COSA, Azz!
Quane, SE PECCA D'eleganza, fottuta e' la signorilità', io me defilo,
Recita.... Annata bella che a puttane!
Dimme ER QQUANT'e'..
Saluto' er Reggista, e se porto' verso l'uscita, a slega' er cane!
Ale'...
L'unica comparsa che s'era calata bene nella parte, nun rompendo li coglioni:
Muto, bono zitto, CO l'occhio vivo
Da CRISTIANE ...( PELLA rima..)
In sur l' appuntato, come una stella nel cielo de la notte....FISSO a quella cacchio de briosce, che s'addiventava sempre chiu' ridotta, VOTATA A LLU SPARI'
senza pagalla!
...Tieh!


( F. Mancini.... FECI...)


dipinto F. Mancini