sabato 14 febbraio 2015

Gotico - Silvana Di Girolamo




L'anima nera
Come il khol sugli occhi
Ottenuto col sangue scuro del suo cuore
Coagulato con meconio 
                                        di neonati morti

Sottili penne di corvo 
                        per la linea fina e lunga
Sugli occhi neri come nera notte
Nessuno sguardo resiste
Sventura per chi i suoi occhi incontra

Sceglie i suoi amori per strada
Attende in un vicolo e poi spara
Lanciando la sua nera rete
Di occhi e movenze

Consuma il suo pasto
Tra scatole vuote di tv al plasma
Confondendosi tra le ombre
Di cumulata pattume urbana

Nemmeno un grido 
Dalla gola del prescelto
Seccato all'istante 
                       dallo sguardo fatale
Gli occhi come pezzi di vetro fuso

I quotidiani del giorno dopo
A ricordare
Che la morte esiste
E ti coglie impreparato

photo Elena Jasic