lunedì 18 aprile 2016

Pinseri nivuri - Dinka


L'occhi abbiliati
Chi talianu n'terra
Li pusa cu li pugna stritti
Nun sannu cchiù 
Dunni tuppuliari

L'arma ngusciata
Ti dici tutti l'jorna
"Vatinni! Caà nun c'è nenti pi tia"

Lu cori sparpagghia
Pinseri nivuri comu la pici
E lu suli c'allumina sta terra
Maliditta e bedda
T'addulura chiu assai
Si pensi a du postu ca' nebbia
Dunni l'unica cosa bona
È lu travagghiu ca nun manca

Allura chiudi l'occhi 
E t'insonni d'essiri briganti
Nenti casa
Nenti travagghiu
Nenti di nenti

Picchì la muntagna
Avi lu cori ranni
E nun t'addumanna pizzu
Nun ti duna tradimentu
T'arripara e protegge
Ti duna a manciari
Ti leva la siti

E lu suli chi ci nasci d'arrè
Ti ridi comu li picciriddi
Ca sunnu ancili nnuccenti

°°°

Gli occhi avviliti
che guardano a terra
I polsi con i pugni stretti
Non sanno più
Dove bussare

L’anima angosciata
Ti dice ogni giorno
“Vai via! Qui non c’è nulla per te”

Il cuore distribuisce
Pensieri neri come la pece
E il sole che illumina questa terra
Maledetta e bella
Ti da ancora più dolore
Se pensi a quel posto con la nebbia
Dove l’unica cosa buona
E’ il lavoro che non manca

Allora chiudi gli occhi
E sogni di essere brigante
Niente casa
Niente lavoro
Niente di niente

Perché la montagna
Ha il cuore grande
E non ti chiede il pizzo
Non ti tradisce
Ti ripara e protegge
Ti da cibo
Ti toglie la sete

E il sole che le nasce dietro
Ti sorride come i bambini
Che sono angeli innocenti


photo Sebastiao Salgado